Tag: turismo

Ciclopedonale Val Rendena

La Val Rendena, da Madonna di Campiglio a Villa, è chiamata “Verde valle” per il colore della natura, un verde intenso e spettacolare, che ti avvolge. Boschi secolari digradano dalle alte quote fino a sfiorare i paesi, piccoli borghi alpini tutti da scoprire con i loro tesori di arte e di storia: chiese di origine medievale affrescate tra la seconda metà del XV e la prima metà del XVI secolo dai Baschenis, pittori itineranti provenienti da Averara, in provincia di Bergamo, capitelli votivi, musei sugli usi, i costumi e i mestieri tradizionali della Val Rendena, caratteristici centri storici che ancora conservano le tipiche architetture di un tempo, piazze e fontane che si incontrano d’improvviso camminando tra le strette vie dei centri abitati, paesaggi di rara bellezza risultato del felice incontro tra la natura e il lavoro dell’uomo. La Val Rendena è attraversata da venticinque chilometri di pista ciclopedonale che, costeggiando in gran parte le sponde del fiume Sarca, collegano Carisolo a Villa Rendena, quindi a Tione di Trento e alla località Ponte Pià, dopo Ragoli. Tratti pianeggianti si alternano a brevi salite, proponendo un itinerario di saliscendi adatto al biker esperto che vuole misurarsi su tempi da atleta, ma anche alla famiglia che vuole trascorrere, con tutta tranquillità e senza troppo faticare, una piacevole pedalata all’aria aperta.

Borgo Valsugana

Borgo Valsugana è un borgo caratteristico Trentino affascinante esempio di insediamento fluviale urbanizzato, il centro del paese è tagliato dal fiume Brenta, con il corso d’acqua affiancato da belle case antiche e portici con una forte impronta veneta. Borgo Valsugana offre piacevoli scorci e bellezze architettoniche, come l’imponente Castel Telvana, che sovrasta il paese, con immancabile passeggiata lungo Corso Ausugum con i portali barocchi e le botteghe dove acquistare prodotti tipici. Luoghi visitabili sono: le chiese di San Francesco, San Rocco e Sant Anna, Palazzo Ceschi, il ponte veneziano sul Brenta, la fucina Tognolli, la sala Degasperi, il Museo della Grande Guerra e lo Spazio Klien. Dal sobborgo di Olle sale la strada che porta in Val di Sella, dove si snoda il percorso Arte Natura, che porta il visitatore alla scoperta di ArteSella, la biennale internazionale d’arte. Le opere vengono realizzate con materiali naturali direttamente nel bosco e vi rimangono finchè la natura rigogliosa non le ingloba. L’intera la vallata è servita dalla statale e dalla ferrovia della Valsugana, che collega Venezia e Bassano del Grappa a Trento, ed è percorsa anche da una spettacolare e piacevole pista ciclabile che si snoda lungo il corso del fiume Brenta.

[codepeople-post-map]

Strada del Vino e dei Sapori del Trentino

Le strade del vino e dei sapori del Trentino sono dei percorsi segnalati e pubblicizzati con appositi cartelli e mappe territoriali, entro territori ad alta vocazione vitivinicola e/o rurale, caratterizzati dalla presenza di vigneti e cantine di aziende agricole – individuali o associate, da coltivazioni, da produzioni e lavorazioni agroalimentari tipiche, da aziende agricole, individuali o associate – aperte al pubblico, oltreché da attrattive naturalistiche, culturali e storiche particolarmente significative ai fini di un’offerta enoturistica integrata. Esse costituiscono strumento di promozione dello sviluppo rurale attraverso la valorizzazione e la fruizione in forma di offerta enoturistica del territorio e delle sue produzioni.
Per garantire una alta qualità dei prodotti presentati e dei servizi, ogni strada del vino e dei sapori del Trentino si è fornita di un disciplinare, sottoscritto da tutti gli aderenti, che definisce i requisiti minimi per categoria di appartenenza, oltre che dei requisiti generali per  tutte le categorie.

INFO SUL SITO >>>

Santa Lucia Trento

Folla oceanica sin dalle prime ore della mattinata per la Fiera di Santa Lucia a Trento. Il capoluogo è stato invaso dai turisti, attirati dalla fiera e dai Mercatini di Natale. Nella foto il parcheggio  AREA EX SIT affollato ma molto ordinato.

Per l’occasione più di 90 vigili urbani, sorvegliano il traffico e aiutano la circolazione e gli afflussi di automobili e pullman. Numerosi parcheggi pubblici e gestiti da volontari, per consentire a tutti di visitare la città. Oltre 600 bancarelle per la fiera, con grande varietà di espositori con proposte enogastronomiche, abbigliamento e cose per la casa. Da non perdere anche i Mercatini di Natale di Piazza Fiera con squisite proposte tipiche.

Le piazze e le vie del centro storico interessate dalle bancarelle sono: Via Roma, Via Pozzo, Largo Carducci, Via Dordi, Via Oriola, Via Mantova, Piazza Erbe, Via Manci, Via Esterle, Via Orfane, Via Cavour, Via Oss Mazzurana, Via del Simonino, Via Diaz, Via Mazzini,  Piazza Vittoria, Via Mazzini, via Garibaldi,  Via Belenzani, Via Suffragio, Piazza S. M. Maggiore, Piazza Duomo, Piazza d’Arogno, Via Verdi, Via Alfieri, Via Maffei, Largo Carducci, Via S. Pietro, Via G. Galilei, Via Prati, Piazza Pasi, Piazza Battisti.

Grande folla ma nessun disagio!!!

Madonna di Campiglio

Madonna di Campiglio, adagiata in un’ampia conca tra le Dolomiti di Brenta Patrimonio Unesco e le alte cime dell’Adamello e della Presanella, è una delle destinazioni più famose e glamour delle Alpi.

Cuore della skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta (150 km di piste collegate sci ai piedi), Madonna di Campiglio è il paradiso degli amanti della neve: sci alpino, snowboard, sci di fondo, sci alpinismo, escursioni con le racchette da neve permettono di vivere appieno la vacanza invernale.

In estate, i sentieri per le passeggiate e le escursioni in alta quota, i tracciati per la mountain bike consentono di scoprire il meraviglioso paesaggio che circonda il paese, senza dimenticare tutte le altre attività che si possono fare: dall’arrampicata alle vie ferrate, dal golf al parapendio, dalla pesca al dog trekking.

Grandi eventi internazionali, atmosfera mondana, ristoranti gourmet e ospitalità di alta classe completano l’offerta di quella che è considerata la Regina delle Nevi.


Vacanza Trentina a TTG di Rimini

Rimini: Vacanza Trentina al TTG

Vacanza Trentina a Rimini in occasione della fiera TTG. Per l’occasione è venuto a trovarci il giornalista economico Massimo Lucidi, per pubblicizzare il nostro portale e incrementare la rete dei contatti. Siamo andati a trovare lo stand dei nostri amici sciatori trentini e abbiamo trovato la cara Daniela Vecchiato, responsabile marketing di Folgariaski.

Abbiamo trovato numerosi blogger, agenzie di viaggi e di pubblicità… A breve avremo tante novità sul nostro portale…


Parco Fluviale Novella

Nel Parco Fluviale Novella un percorso attrezzato per scoprire canyon nascosti, addentrarsi in stretti passaggi e pareti verticali.

Il parco fluviale si snoda nella forra del torrente Novella nei comuni di Cloz, Romallo e Dambel. Si tratta di un percorso guidato lungo ben 3,5 km, attrezzato con passerelle e adatto a chi vuole passeggiare nel bosco, scoprire canyon nascosti e allo stesso tempo conoscere la storia geologica del territorio. Grazie all’allestimento di un facile percorso attrezzato, scenari maestosi, prima poco accessibili, sono ora alla portata di tutti.

Il filo conduttore è l’acqua. L’incessante azione erosiva sulle rocce è, infatti, alla base della morfologia del territorio. Una caratteristica valle fluviale, dall’inconfondibile profilo a V, lascia il posto ad una spettacolare forra con stretti passaggi e pareti verticali. L’acqua disegna anche il paesaggio e la vegetazione. Boschi di pino silvestre che colonizzano i pendii più aridi e soleggiati, vengono sostituiti dalle piante rupestri sulle ripide e umide pareti della forra.

Close

Il Trentino visto da Diego Marini