Tag: cultura

Festival Mezzano Romantica

Festival Mezzano Romantica 14 Luglio 2017 Festival Mezzano Romantica: in programma venerdì 14 luglio un importante concerto che vedrà esibirsi due importanti Ensemble conosciuti ed apprezzati a livello internazionale: Opter Ensemble – formata da Guglielmo Pellarin al corno, Francesco Lovato al violino e Federico Lovato al pianoforte – e Ex Novo Continue Reading

Le icone di Lina Delpero

LE ICONE DI LINA DELPERO UN GRADITO RITORNO A MEZZOLOMBARDO Sarà inaugurata sabato 10 dicembre al convento dei padri francescani di Mezzolombardo, nella sala “Santa Chiara”, la mostra iconografica “I Colori del Mistero” di Lina Delpero. Si tratta di un gradito ritorno, nell’imminenza del Natale, per una mostra che attira Continue Reading

Convento S. Bernardino Trento

CONVENTO S.BERNARDINO A TRENTO

Convento S.Bernardino, si trova a Trento in cima a Via Don Grazioli. Sede del Convento dei Frati Minori, dell’Associazione Missioni Francescane Trento Onlus e del Centro Kaire ( Centro di formazione ed evangelizzazione Nuovi Orizzonti)

Fu nel 28 ottobre 1694 il vescovo suffraganeo Giorgio Sigismondo de Sinnersberg a introdurre solennemente il ss. Sacramento nel nuovo convento e i frati iniziarono ad abitarlo. La costruzione iniziò nel 1691, per assicurare al Convento una struttura solida e al riparo dalle inondazioni del torrente Fersina. La nuova chiesa fu consacrata il 13 aprile 1698 dal vescovo mons. Michele Spaur. Con l’aiuto finanziario di Valentino Salvadori e dei fratelli Girolamo e Giacomo Maffei, nel 1754 fu costruita la biblioteca, ricca di molti e preziosi volumi. Nel 1897 fu costruito il primo piano dello studentato e nel 1930 si elevò il secondo. Alla fine del 1849 il governo austriaco tagliò in due la clausura a nord del convento con il tracciato della nuova strada per la Valsugana, concedendo il permesso di un sottopassaggio, una porta carraia e rifacendo i muri della clausura lungo detta strada. Nel 1850 sul terreno donato dalla nobile famiglia Wolchenstein, situato al margine nord della clausura, fu costruito il cimitero per i frati della Provincia; fu ingrandito nel 1866-68, con la costruzione pure del capitello del Crocifisso. Nel 1892 fu allargata la strada detta “dei molini”, ora via Grazioli; per tale motivo, in accordo con i frati, fu demolito il rampone di scala che da detta via portava al portone dei carri, furono demoliti i capitelli della Via Crucis (costruiti nel 1718 e dipinti dal pittore Gresta di Ala) e costruiti altri cinque nuovi lungo il secondo rampone (quello che porta alla chiesa), nei quali il pittore Chiocchetti da Moena dipinse i cinque misteri dolorosi. Nel 1894 fu fatta una gradinata in pietra che da via Grazioli immette sul rampone del convento e fu trasportata a sinistra la croce di pietra che prima stava verso la porta carraia. Questa croce era stata costruita in legno il 3 agosto 1821; rifatta nel novembre 1835, ancora rifatta ma in pietra il 7 febbraio 1867. All’alba del 24 gennaio 1977 improvvisamente cadde. Ora, per munifico dono del sig. Remo Zilio, dallo stesso fu rifatta in granito, pezzo unico, e collocata ufficialmente in sede il 17 giugno 1978. Nel 1919 il Ministero della Difesa eresse sopra la biblioteca l’osservatorio meteorologico, efficiente fino al 1996. Nel 1921 fu costruita la sala sul lato sud della clausura, lungo il rampone da via Grazioli, intitolata a fr. Marco Morizzo, per il Terz’Ordine e attività varie; benedetta il 16 ottobre da mons. Marconi. Chiesta da tempo la possibilità di un passaggio tra via Venezia e via Grazioli da parte dei censiti del rione “Cave”, un primo progetto del 1914 fu sospeso causa la guerra. Ripreso nel 1923, iniziarono i lavori per la “passerella” a ovest della clausura il 26 marzo di quell’anno; in seguito questo passaggio prese il nome di “Belvedere s. Francesco”. In ricordo del centenario francescano del 1926, il prof. Camillo Bernardi affrescò la facciata della chiesa, affresco ora scomparso. Nel 1947 la ditta Mascioni di Cuvio (Varese) costruì un nuovo organo elettrico, in sostituzione del precedente costruito da fr. Epifanio Cadrobbi nel 1883, ormai inservibile. Alla fine del 1973 la stessa ditta lo rimise a nuovo. Nel 1964 alla biblioteca si aggiunse la costruzione a nord come deposito dei libri, e a sud una sala di consultazione. Nel 1994 – 1995 la casa rustica a nord-est è stata ristrutturata (e unita) per il necessario ampliamento della biblioteca e anche per l’accor­pa­men­to delle biblioteche degli altri conventi, mantenendo ogni singola il proprio fondo immutato. Nel 1968, sulla collina a nord del convento, fu inaugurata la nuova ampia ed efficiente infermeria provinciale. Dopo la costruzione della nuova infermeria provinciale, la vecchia sede della stessa fu rimessa a nuovo nel 1968 come sede della Curia e delle Opere provinciali. Lavori importanti di ristrutturazione e di adeguamento alle norme civili europee sono stati fatti nel 2004-2005: rifacimento dei tetti, rinnovata la cucina, costruito un ascensore e restaurata la parte delle opere provinciali per accogliere anche la Pia Opera Fratini e Missioni.

Resta a voi il compito di entrare e scoprire la storia del Convento per forgiare il vostro futuro…

RIFERIMENTI e TESTI : http://www.ofmtn.pcn.net/   http://www.nuoviorizzonti.org/

Mese Montagna

Mese Montagna Mese Montagna: dieci anni di cordate, ma anche dieci edizioni dove si è raccontata la montagna in tante sfaccettature, dalle pionieristiche scalate all’alpinismo moderno, andando anche a scoprire le molteplici attività sportive che hanno come comune denominatore la quota. Poi tanti personaggi e, soprattutto, tante storie raccontate da Continue Reading

Cles

Cles: comune della Val di Non, del quale ne è il centro, con quasi 7000 abitanti. A Ovest vi è il Monte Peller abitato dalle splendide marmotte, a Est il Lago di Santa Giustina formato dallo sbarramento del torrente Noce. Questa località, è il centro di riferimento della Val di Continue Reading

Duomo di Bressanone

Un passo oltre confine: in Alto Adige

La cattedrale di Santa Maria Assunta e San Cassiano (in tedesco Dom Mariae Aufnahme in den Himmel und St. Kassian), anche conosciuta come duomo di Bressanone (in tedesco Brixner Dom), è il principale luogo di culto di Bressanone, in provincia di Bolzano, e cattedrale della diocesi di Bolzano-Bressanone.
Sulle volte della cattedrale si possono osservare affreschi di Paul Troger, uno dei più importanti pittori barocchi dell’Alto Adige, Gli affreschi occupano una superficie di 200 m² sulla navata principale. Le pareti sono rivestite con ben 33 tipi di marmo diversi. Nella pala dell’altare maggiore Michelangelo Unterperger ha raffigurato il Transito della Madonna attorniata da persone che la amano: Apostoli e pie donne. Dall’alto entra una luce paradisiaca, e schiere angeliche si librano in volo pronte ad accompagnare Maria in cielo. Nell’affresco di Paul Troger sopra il presbiterio Cristo accoglie Maria in un bel cielo aperto. Il grandioso affresco del Troger nella volta della navata (più di 250 m2, con oltre 200 figure) ci permette di spingere lo sguardo nella maestosità del cielo. Sopra la cantoria è raffigurato un concerto angelico. Nel transetto di sinistra il patrono diocesano San Cassiano è raffigurato come maestro, martire e missionario a Sabiona, la prima sede vescovile nella “terra dei monti”. Nel grande affresco della volta anche lui, con i santi vescovi Ingenuino, Albuino ed Artmanno, si incamminanio verso il cielo.

La pioggia

La pioggia,   05 Giugno 2011

La pioggia scende

le gocce d’acqua

trasmettono a noi

la calma e la pace.

Il vento è calato

le nuvole omogenee

guardano dall’alto

i nostri strani occhi.

La notte è già qui

pronta a baciarci

con lunghi sospiri

di dolce attesa.

Inizio a intravedere …

20 Maggio 2011

Inizio a intravedere

molte delle stelle

nell’oscuro cielo.

Assaporo il profumo

di tutte le rose

e penso a te cara.

Immagino sempre

i tuoi splendidi occhi

e il tuo sorriso.

Attendo ogni sera

per dedicarti una

delle poesie migliori.

Mi alzo alla mattina

sei il mio primo e

splendido pensiero.

Durante il giorno

sempre nel mio cuore

splendido sentimento.

Ti voglio tanto bene

teniamoci per mano

in un lungo cammino.

 

In questo cielo…

Con questa nuova poesia scritta dal nostro autore ignoto nel maggio del 2011 vi auguriamo BUON ANNO NUOVO

 

19 Maggio 2011

In questo cielo

sereno e delicato

non si vede nuvola

nemmeno la luna.

Posso ammirare

tutte le stelle

sparse nell’infinito

sopra i miei occhi.

Penso a te dolce

splendida carezza

che il buon Dio

mi ha concesso.

Desidero solo te

il tuo amore e

una parola usata

da te: “noi”…

Close

Il Trentino visto da Diego Marini